Alghe marine: proprietà benefici e controindicazioni

Le alghe marine sono spesso utilizzate nella preparazione di prodotti cosmetici e integratori per via delle innumerevoli proprietà e benefici che sono in grado di apportare al nostro organismo.

Alghe marine proprietà e caratteristiche

Innanzitutto cerchiamo di capire quanti e quali sono i tipi di alghe marine che attualmente è possibile trovare in commercio. Tutte le alghe marine contengono clorofilla che sintetizzano in base alla quantità di luce solare che riesce ad arrivare e che dipende dalla profondità in cui si trovano.

La profondità va quindi a influire sul colore delle alghe che possono essere:

  • alghe verdi (bassa profondità)
  • alghe brune (media profondità)
  • alghe rosse (alta profondità)

Le alghe che possiamo trovare oggi nei negozi provengono, in realtà, principalmente dal Giappone o dalla Bretagna, dove appunto c’è un largo consumo e impiego di questi vegetali.

Ricche soprattutto di iodio, così come di calcio, magnesio e potassio, le alghe marine sono particolarmente utili per favorire la digestione ed eliminare le scorie tossiche dall’organismo. Hanno quindi proprietà digestive e depurative molto importanti. Di alghe marine ne esistono diversi tipi ed ognuna presenta caratteristiche e proprietà più spiccate.

Proprietà dimagranti

Il fucus, per esempio, è molto utilizzato nella preparazione di integratori dimagranti per la sua capacità di attivare e stimolare il metabolismo. Fra le varie tipologie attualmente in commercio Fucusnella è però uno dei più innovativi ed efficaci.

Questo integratore sfrutta appieno tutte le capacità e le virtù del fucus ed è quindi in grado di rimodellare la silhouette, sciogliendo il grasso localizzato, in poche settimane. Non solo, l’alga fucus grazie alla presenza di mucillagini è anche in grado di svolgere un’azione antinfiammatoria e protettiva nei confronti della mucosa gastrica. Queste caratteristiche rendono Fucusnella particolarmente adatta anche a chi soffre di gastrite e reflusso gastro-esofageo.

Un altro rimedio dimagrante, che sfrutta le proprietà del fucus ma non ha nulla a che vedere con gli integratori, è quello dei cerotti al fucus. Si tratta di veri e propri cerotti che possono essere applicati nella zona in cui si intende perdere peso ed agiscono quindi in maniera localizzata. Si tratta perciò di soluzioni più adatte a chi intende sciogliere il grasso solo in alcune parti del proprio corpo.

Al di là del fucus, che resta una delle alghe marine più utilizzate, tuttavia ci sono anche altre tipologie di alghe impiegate per le loro proprietà curative. Le varietà più diffuse sono, ad esempio, le alghe rosse e quelle brune. Queste generalmente vengono impiegate per la preparazione di fanghi purificanti e drenanti, creme e cosmetici vari.

Regolano gli ormoni femminili

Le alghe marine, inoltre, sembrerebbero avere anche un effetto positivo sul metabolismo degli ormoni femminili. Questo le rende utili, ad esempio, per regolare estrogeni e fitoestrogeni delle donne sane nel postmenopausa. Non solo, l’utilizzo delle alghe marine può rivelarsi molto importante anche nella prevenzione di tumori estrogeno-dipendenti.

Proprietà antiossidanti

La sua capacità di prevenire e trattare anche il cancro deriverebbe anche dalla presenza di una grande quantità di antiossidanti. Oltre ai polifenoli, che si trovano anche negli alimenti e cibi della terra, le alghe marine infatti sono ricche di antiossidanti alcaloidi unici, i quali contribuirebbero a ridurre il rischio di stress ossidativo, e di conseguenza l’insorgenza di malattie e tumori.

Le alghe marine quindi sarebbero in grado di prevenire malattie come il Parkinson, l’Alzheimer, il diabete, le malattie autoimmuni e cardiovascolari. Inoltre, le alghe marine contengono altissimi livelli di vitamine antiossidanti, quali la A, la C e la E, nonché una vasta gamma di flavonoidi cardioprotettivi.

Alghe marine controindicazioni

Ai tanti pregi e benefici, le alghe accompagnano però anche diversi effetti collaterali che è bene conoscere prima di decidere di utilizzarle. Per quanto riguarda il fucus le controindicazioni non devono essere assolutamente sottovalutate. In particolare un suo eccesso può portare irritabilità, tachicardia, vomito, diarrea e problemi gastrointestinali.

Non solo il fucus sarebbe particolarmente sconsigliato in caso di gravidanza e allattamento, in soggetti affetti da diabete o con problemi cardiovascolari.

Più in generale, invece, le alghe marine avrebbero controindicazioni per i soggetti sensibili allo iodio e, quindi, anche per coloro che soffrono di ipertiroidismo. Al contrario un loro utilizzo è consigliato nei soggetti affetti da ipotiroidismo, in quanto le alghe sarebbero in grado di risvegliare il metabolismo basale.

Nei soggetti con ipertiroidismo, invece, il metabolismo è più accelerato della media, e l’apporto di iodio non farebbe che peggiorare la situazione. Altrettanto sconsigliato è l’utilizzo di alghe in persone che devono seguire regimi alimentari iposodici molto severi.

 

Prodotti in offerta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

7 + 12 =