Correggere gobba naso: i rimedi per non provare dolore

Non tutti hanno la fortuna di nascere con un naso piccolo e alla francese, anzi. La maggior parte delle persone non ha un naso perfetto e, chi più chi meno, presenta sempre qualche difetto. In alcuni casi il naso è troppo lungo e stretto, in altri è largo e a patata. Altre volte il naso presenta una brutta gobba, rendendo il nostro profilo meno delicato.

Correggere la gobba del naso, in particolare, è uno dei desideri più frequenti quando si ha a che fare con un tipico naso romano. Questo difetto, infatti, è spesso il meno gradito e il motivo per cui molte persone decidono di ricorrere alla chirurgia estetica.

Correggere gobba naso: la rinoplastica

L’intervento di chirurgia estetica che è in grado di modificare l’aspetto estetico del naso prende il nome di rinoplastica. E’ ad oggi uno degli interventi estetici più richiesti e diffusi, in quanto apparentemente poco costoso e privo di rischi per la salute.

In realtà non è proprio così. L’intervento di rinoplastica, infatti, presenta diverse controindicazioni. Il suo costo può sembrare basso, se paragonato ad altri interventi di chirurgia estetica, ma resta comunque sempre più alto rispetto all’utilizzo di altri rimedi.

Non solo, questo intervento è anche molto invasivo e comporta una serie di inconvenienti tipici del post-operatorio. I giorni successivi all’operazione, infatti, può insorgere dolore e la ripresa può essere anche più lenta del previsto. Alcuni pazienti, ad esempio, possono sperimentare un certo grado di gonfiore e rigidità, che si sviluppa di solito sotto agli occhi.

Nel peggiore dei casi la punta del naso può rimanere insensibile o rigida anche per diversi mesi. Il gonfiore dei tessuti, quindi, può creare difficoltà respiratorie, anche se momentanee. I pazienti, inoltre, possono anche andare incontro a lieve sanguinamento dal naso. La perdita di sangue generalmente avviene nei giorni immediatamente successivi all’intervento e può durare uno o due giorni.

L’operazione in quanto tale presenta anche i classici rischi di un intervento chirurgico. E’ infatti possibile che il paziente sviluppi infezioni, presenti sanguinamento eccessivo o un accumulo di sangue sotto pelle. Non bisogna dimenticare inoltre le reazioni inattese all’anestesia.

Può anche capitare che vi sia una guarigione solo parziale della ferita o dell’infezione o che addirittura si verifichi un cambiamento nella simmetria stessa del naso. Infine, altri inconvenienti del post-operatorio possono essere la rottura di piccoli vasi superficiali sul naso, lo scoloramento della pelle e irregolarità del contorno, accompagnato da dolore persistente e gonfiore.

Correggere gobba naso: i correttori nasali

Ecco perché, se stai pensando di correggere la gobba del naso, allora dovresti provare con i correttori nasali. (HTF) Rhino Correct, in particolare, è uno dei più venduti negli Stati Uniti ed è in grado di intervenire sui difetti del naso più diversi.

Uno fra questi è proprio la gobba del naso, che come abbiamo già detto è uno dei difetti più odiati ma anche più diffusi. Questo correttore nasale, però, è anche in grado di ridurre la lunghezza e larghezza del naso di qualche millimetro, così come di intervenire sulle asimmetrie, modificare un naso storto o alzare la punta del naso. In particolare Rhino Correct può:

  • stringere la punta del naso e delle narici
  • correggere il naso a patata
  • correggere le asimmetrie
  • ridurre la lunghezza del naso di 1-2 millimetri
  • levigare il naso eliminando eventuali gobbe
  • sollevare la punta del naso
  • ridurre la larghezza del naso

Il tutto con uno strumento piccolo e pratico da usare. Per far sì che Rhino Correct dia ottimi risultati basta applicarlo per 2-3 ore al giorno 3-4 volte alla settimana per un paio di settimane. In pochi giorni il tuo naso sarà più tonico e levigato, donandoti un profilo più delicato ed elegante.

Questo correttore, inoltre, agisce grazie alla presenza di cuscinetti interni che consentono al tutore di aderire perfettamente al naso e apportare le modifiche desiderate. A differenza della rinoplastica, che è molto più invasiva, il correttore nasale non presenta alcuna controindicazione.

Composto da materiale ipoallergenico non provoca né irritazioni né vesciche. Naturalmente, come tutti i rimedi naturali, è bene ricordare che Rhino Correct non fa miracoli. Se, infatti, il tuo naso presenta difetti molto gravi e accentuati, non sarà un correttore nasale a risolvere i tuoi problemi. In questo caso l’unica soluzione è ricorrere alla rinoplastica.

Prodotti in offerta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − tredici =