Naso secco cosa fare: i rimedi più efficaci

Avere il naso secco è un disturbo abbastanza comune e spesso temporaneo, legata a condizioni fisiologiche particolari o patologie specifiche, come allergie o infiammazioni nasali. Prima di intervenire, adottando il rimedio più efficace, è bene quindi indagare sulle cause, in modo da agire all’origine del problema. Il naso secco ad esempio spesso è la conseguenza di una conformazione nota come deviazione del setto nasale, che causa congestione e quindi secchezza e irritazione.

Naso secco cosa fare: congestione nasale e rimedi

In questo caso infatti l’aria non riesce a circolare correttamente, dando origine a problemi di respirazione e infiammazioni nasali molto più frequenti. Molte persone riescono a convivere con questo genere di problematica. Altre invece decidono di sottoporsi ad un intervento di chirurgia, noto come settoplastica, che ripristina appunto la corretta posizione del setto nasale. Non si tratta di chirurgia estetica, ma di un’operazione che interviene sulla funzionalità del naso e, in alcuni casi, si rende strettamente necessaria.

Laddove invece il problema fosse di natura estetica, l’intervento prende il nome di rinoplastica. In questo caso l’operazione va a modificare l’aspetto del naso, che può risultare troppo lungo, con la gobba, a patata o asimmetrico. Si tratta di un intervento di chirurgia estetica che non ha alcuna ripercussione sulla funzionalità del naso ma si limita a modificarne l’aspetto, rendendolo più piccolo e grazioso. Una soluzione a cui si ricorre per migliorare il proprio profilo e superare i disagi causati dal difetto. La rinoplastica, però, resta sempre un intervento chirurgico e, in quanto tale, ricco di inconvenienti e rischi.

Proprio per questo, nel caso in cui il difetto non fosse così eccessivo, sarebbe meglio provare con altri rimedi meno costosi, ma soprattutto meno invasivi e pericolosi per la salute. E’ il caso dei correttori nasali, dispositivi che permettono di modificare i principali difetti del naso senza il bisogno di ricorrere alla chirurgia. Rhino Correct, ad esempio, è un correttore molto facile da usare e che ti permetterà di migliorare l’aspetto del tuo naso in poche settimane di utilizzo.

Il tutto senza alcun rischio o disagio e, soprattutto, senza spendere una fortuna. Grazie a questo dispositivo potrai infatti ridurre la lunghezza del naso fino a 2 mm e risolvere ogni genere di imperfezione: dalla punta larga, alla gobba, alle asimmetrie. Tutto ciò che dovrai fare sarà indossare il correttore per 2-3 ore al giorno 3-4 volte alla settimana. Realizzato con materiale plastico ipoallergenico, Rhino Correct è inoltre privo di effetti collaterali e non provoca irritazioni. Potrai indossarlo senza provare alcun dolore e, sin dalle prime settimane, comincerai a vedere i primi risultati. Il dispositivo agisce grazie all’azione di speciali cuscinetti che permettono al tutore di aderire perfettamente al naso, apportando le correzioni desiderate.

Insomma un’alternativa più sicura della rinoplastica ma altrettanto efficace, che ti aiuterà a rimpicciolire il tuo naso, correggendo anche asimmetrie e nasi storti. Il naso storto, ad esempio, è spesso il risultato di una deviazione del setto nasale, che causa la congestione e quindi la secchezza. Anche in questo caso adoperare un correttore nasale può aiutare, così come ricorrere a rimedi naturali in grado di migliorare la condizione delle mucose. E’ il caso di suffumigi a base di oli essenziali o bicarbonato.

Naso secco cosa fare: gli umidificatori

Non solo, all’origine della secchezza nasale può esservi anche un cattiva aerazione ambientale, che impedisce un correttore ricircolo dell’aria. Un uso eccessivo dell’aria condizionata o un riscaldamento eccessivo, ad esempio, possono seccare eccessivamente l’ambiente, peggiorando anche la respirazione e lo stato delle mucose nasali. In questo caso, è possibile intervenire con gli umidificatori, che permettono di umidificare l’ambiente, impedendo così la congestione del naso.

Laddove poi il problema della secchezza fosse legato a rinite o allergie, la soluzione migliore è quella di intervenire con lavaggi nasali in grado di liberare il naso da muco in eccesso e batteri. Bisogna inoltre fare molta attenzione agli antistaminici e spray nasali. Anche questi rimedi infatti, soprattutto se usati in maniera eccessiva e per lungo tempo, possono generare secchezza nasale. In questo caso il consiglio è di provvedere con rimedi naturali, come vaselina, olio di mandorle e olio di cocco, cercando inoltre di bere molta acqua e mantenere la giusta idratazione. Laddove il problema dovesse persistere e fosse accompagnato anche da sanguinamento, alterazioni dell’olfatto e gonfiore, è opportuno rivolersi al proprio medico di fiducia.

 

Prodotti in offerta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × uno =