Chirurgia mini invasiva alluce valgo: serve davvero?

Soffri di alluce valgo e vorresti ricorrere a un intervento di mini chirurgia? Sicuramente questa problematica è molto fastidiosa e, soprattutto a lungo andare se non curata adeguatamente, rischia di creare seri problemi di mobilità.

Questo però non significa che tu debba necessariamente ricorrere a un intervento. Se infatti la problematica non si trova ancora in fase avanzata, è possibile ricorrere anche ad altri rimedi e terapie, come ad esempio quella conservativa.

Chirurgia mini invasiva alluce valgo: è davvero l’unica soluzione?

In questo caso l’obiettivo è rallentare e limitare il decorso delle deformazioni dell’alluce. Contenendo l’evoluzione della patologia, sarà possibile migliorare sin da subito la qualità di vita di chi ne soffre, riducendo tutti i fastidi tipici della problematica.

Chirurgia mini invasiva alluce valgo: le alternative

Questa terapia conservativa può consistere ad esempio nell’utilizzo di scarpe idonee, che siano prima di tutto comode e  non creino conflitto. Indossando le scarpe giuste potrai sicuramente evitare che l’infiammazione peggiori e degeneri ulteriormente.

Non solo, anche l’utilizzo di plantari correttivi può aiutarti a ridurre il problema. Questi infatti consentono di mettere in scarico la testa metatarsale dolente. Infine, può essere anche molto utile adoperare cappucci in silicone in modo da tenere separate le dita e ammortizzare lo sfregamento dell’alluce contro la calzatura.

A questi efficaci rimedi, però, potresti anche pensare di aggiungere l’utilizzo di un tutore. Con un dispositivo del genere, infatti, riusciresti ad eliminare l’infiammazione e consentiresti ai tuoi piedi di ritrovare la loro forma naturale. Il tutto senza spendere grandi cifre e soprattutto senza la necessità di ricorrere ad alcun tipo di intervento.

Footfix, in particolare, è uno dei migliori tutori attualmente in commercio, la soluzione giusta per chi soffre di alluce valgo e vorrebbe liberarsi definitivamente di questo fastidioso problema.

Footfix è un tutore in silicone di grado medico, capace di correggere la posizione dell’alluce ma soprattutto anche di eliminare le cause di questo disturbo. Indossando questo tutore, molto pratico e comodo, non avvertirai più alcun dolore e sarai anche in grado di correggere la postura nel lungo periodo.

Un dispositivo che ti aiuterà a combattere l’infiammazione ma anche a prevenirne una futura ricomparsa. Dovrai aspettare solo 10 giorni ed allora potrai finalmente dire addio all’infiammazione da alluce valgo. Indossare Footfix è inoltre molto semplice e ti ci vorranno solo pochi secondi.

Micosi del piede: scopri come eliminarla completamente!

Chirurgia mini invasiva alluce valgo: come funziona

Il tutore, a differenza della terapia conservativa, è inoltre adatto anche a casi di alluce valgo più gravi e può quindi rappresentare una terapia alternativa, nel caso in cui tu non voglia ricorrere ad un intervento chirurgico.

L’intervento, inoltre, risulta spesso anche molto costoso e, per questo, a meno che non ve ne sia realmente bisogno, il consiglio è di provare con terapie intermedie. Anche l’uso di ultrasuoni, ad esempio, può rappresentare una valida alternativa ed ha sicuramente meno effetti indesiderati, rispetto a un intervento chirurgico vero e proprio. In questo caso, ad esempio, è possibile utilizzare un apposito dispositivo in grado di trasmettere ultrasuoni, da applicare direttamente sull’alluce problematico.

MIO SONIC apparecchio per ultrasuonoterapia: scopri come funziona!

mio sonic apparecchio ultrasuoni

Tuttavia, se la chirurgia dovesse essere realmente l’unica soluzione, allora bisognerà rivolgersi ad una struttura specializzata, affidandosi a uno staff esperto e qualificato. L’intervento durerà circa venti minuti e consisterà in un’incisione puntiforme mediale attraverso cui verranno inseriti i diversi strumenti chirurgici.

A questa prima mini incisione ne segue poi una seconda e ancora una terza, che consente di correggere ulteriormente l’orientamento dell’alluce. Al termine dell’intervento sarà necessario realizzare un bendaggio correttivo, che dovrà restare in posizione per circa 3 settimane.

Fungo del piede: scopri i rimedi naturali per liberartene!

Si tratta di un dettaglio molto importante per il decorso post-operatorio. Questo bendaggio, infatti, consente di contenere le osteotomie, in quanto non viene utilizzato alcun mezzo di osteosintesi. Trattandosi di un intervento di chirurgia mini invasiva, è chiaro che non è possibile paragonare dolori, rischi e post-operatorio con quanto accade dopo un intervento chirurgico maggiormente invasivo.

Tuttavia, anche questo intervento ha un costo elevato e, proprio per questo, prima di sottoporsi a un intervento del genere, sarebbe più opportuno individuare lo stadio dell’infiammazione. In questo modo eviterai spese e fatiche inutili o, diversamente, capirai che l’unica soluzione possibile è appunto quella della chirurgia mini invasiva.

Prodotti in offerta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 + 11 =