Osteoporosi come dormire bene: 4 consigli utili

Soffri di osteoporosi e ultimamente fai fatica a dormire bene? In questo caso è bene non sottovalutare la tua patologia e prendere i giusti provvedimenti per evitare dolori alle ossa e alla schiena e riposare meglio.

Osteoporosi come dormire: perché è così importante?

Dormire bene è infatti fondamentale anche per preservare la salute di ossa e articolazioni. Diversi studi hanno dimostrato che insonnia o un sonno disturbato possono peggiorare o favorire l’insorgere di osteoporosi e problemi alle ossa. Ecco quindi che riposare bene diventa necessario, soprattutto laddove la patologia sia già in atto

Per farlo devi solo fare attenzione a una serie di piccole cose che riguardano la tua camera da letto. Non solo, per far sì che eventuali dolori e gonfiori ti impediscano di riposare correttamente, il consiglio è anche di utilizzare regolarmente una crema in grado di alleviarli, applicandola magari proprio la sera prima di andare a dormire.

Una delle più efficaci attualmente in commercio è Osteolife. Si tratta di una pomata formulata e pensata proprio per combattere i dolori tipici di patologie come osteoporosi, osteoartrite e artrosi. In tutti questi casi, infatti, i sintomi sono molto simili e si riducono a infiammazioni e gonfiori di ossa e articolazioni.

Non solo, questa crema è anche in grado di favorire la rigenerazione delle cartilagini e svolge perciò anche un’azione di rallentamento rispetto al fenomeno degenerativo tipico di queste malattie. Nello specifico, utilizzando regolarmente Ostelife potrai: curare le infiammazioni ed eliminare il gonfiore, favorire il rinnovamento della cartilagine, ma anche ridurre l’ipertonia muscolare e consentire così la cura della fibriomialgia.

Integratori di calcio: scopri i più efficaci!

Questa crema è inoltre adatta anche in caso di fratture e traumi fisici e può perciò essere utilizzata dagli sportivi, che sono spesso soggetti ad infortuni. La sua formulazione completamente naturale e priva di sostanze potenzialmente pericolose per la pelle la rende poi priva di particolari controindicazioni e quindi adatta a tutti.

Il consiglio è di applicarla diverse volte al giorno sulle zone doloranti e più colpite. In breve tempo potrai notare un forte miglioramento e dire addio a dolori e gonfiori. Potrai finalmente dedicarti alle tue attività quotidiane senza fatica e a beneficiarne sarà soprattutto la tua mobilità.

Articolazioni più colpite: quali sono?

Naturalmente questa crema rappresenta un valido aiuto in chi soffre di dolori alle ossa e disturbi articolari, ma non può essere considerata un sostituto delle terapie farmacologiche. Non solo, se soffri di osteoporosi dovrai anche prestare molta attenzione al riposo notturno e far sì che dolori ed altri fattori esterni non lo disturbino.

Osteoporosi come dormire: 4 consigli utili

Al di là della possibilità di applicare una crema in grado di alleviare eventuali dolori che potrebbero impedirti di riposare bene, il consiglio è anche di dare un’occhiata alla tua camera da letto, verificando che tutto, dal letto al materasso, abbia i requisiti giusti per favorire un ottimo riposo.

  1. Il materasso
    Per chi soffre di osteoporosi la scelta del materasso si rivela cruciale. Nello specifico il letto ideale in questi casi deve avere una rete rigida ma un materasso soffice, che sia in grado di adattarsi bene alla forma delle tue curve e del tuo corpo. Attualmente è possibile acquistare anche materassi ortopedici appositamente studiati per chi ha problemi alla schiena.
  2. Il cuscino
    Anche il cuscino è molto importante. In particolare dovresti sceglierne uno che abbia un’altezza adatta alla curva del tuo collo.
  3. Il letto
    Infine, anche il letto deve essere scelto con molta cura. L’altezza è un requisito importante e deve essere tale da permettere di sedersi agevolmente, come su una sedia. In poche parole il sedere e le gambe devono essere ben appoggiate sul materasso. Insomma se hai un letto troppo alto, il consiglio è di cambiarlo. Lo stesso discorso, però vale per un letto troppo basso. Un letto di questo tipo, infatti, ti costringerà ad altre scomode posizioni ed è quindi altrettanto sconsigliabile. In pratica, il piano del materasso dovrebbe corrispondere all’incirca alla piegatura del ginocchio.
  4. Posizioni sul letto
    Un’ultima accortezza riguarda la posizione che dovresti avere sul letto. In particolare dovresti evitare di sederti sul bordo del letto, in modo da evitare di scivolare. Devi pensare in modo tale da prevenire eventuali scivolate e cadute che potrebbero peggiorare la tua situazione e mettere le tue ossa ulteriormente in pericolo.  
Prodotti in offerta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

6 − due =