Pepe ed emorroidi sono compatibili oppure no?

Se soffri spesso di emorroidi e intestino irritabile, avrai notato che le spezie hanno generalmente un effetto negativo sull’infiammazione. Il pepe, in particolare, se assunto in grandi quantità rischia di infiammare ulteriormente l’intestino, peggiorando così anche lo stato delle emorroidi.

Eppure, il pepe contiene in realtà delle sostanze che dovrebbero avere un effetto benefico sulle emorroidi. Si tratta dei flavonoidi, composti chimici naturali che aiutano a contrastare insufficienza venosa e fragilità capillare, ma anche a prevenire patologie infiammatorie. Questo allora che significa? Pepe e emorroidi sono compatibili oppure no?

Pepe ed emorroidi: sì o no?

La risposta è in parte. In poche parole, se si soffre di emorroidi bisognerebbe assumere pepe in quantità moderata. In questo modo se ne sfrutterebbero esclusivamente i vantaggi, evitando quindi gli effetti collaterali legati a un suo abuso.

Oltre ai flavonoidi, infatti, il pepe contiene anche:

  • sali minerali indispensabili per il corretto sviluppo dei tessuti;
  • vitamina K, che agevola la coagulazione del sangue;
  • vitamina B2, che aiuta a contrastare contrastare il prurito;
  • piperina, una sostanza alcaloide che consente il rilassamento muscolare, ma soprattutto stimola l’attività intestinale e la digestione.

Insomma, se si soffre di problemi di digestione, il pepe, grazie soprattutto alla presenza della piperina, potrebbe essere di grande aiuto. E non solo, la piperina è anche in grado di accelerare il metabolismo e quindi favorire la perdita di peso.

Per questo motivo, spesso, è l’ingrediente principe di integratori e pillole dimagranti, come Piperine slim. Questo integratore, in particolare, sfrutta appieno tutti i vantaggi della piperina, riuscendo a bruciare grassi in pochissimo tempo. Il vantaggio di Piperine slim deriva dal fatto che, a differenza di quanto accade normalmente, la piperina viene assunta in maniera diretta e non attraverso il pepe.

Piperine slim è quindi un’alternativa decisamente più efficace rispetto all’assunzione di pepe tramite l’alimentazione o altri integratori. Utilizzando questo prodotto a base di piperina noterai sin da subito: un’accelerazione del metabolismo, un miglioramento nelle funzionalità di tutto l’apparato digerente e una riduzione del senso di fame. Insomma, Piperine slim è sicuramente un valido prodotto da integrare soprattutto se stai seguendo diete dimagranti e purificanti.

Se però si soffre di emorroidi, il consumo di piperina, ma soprattutto di pepe andrebbe moderato. C’è però anche da dire che il consumo di pepe, pur rischiando di peggiorarle, non è la causa diretta delle emorroidi. Le ragioni che portano a questa patologia sono diverse. A volte si tratta di una cattiva alimentazione o un malfunzionamento dell’intestino, altre volte sono determinate condizioni fisiologiche a provocare l’insorgere delle emorroidi.

Le donne incinta, ad esempio, soffrono spesso di questa patologia e, proprio per questo, devono fare molta attenzione se decidono di praticare sesso. Dovrebbero quindi informarsi meglio sulle posizioni per fare l’amore in gravidanza, evitando magari quella perianale che potrebbe aggravare la situazione.

Pepe ed emorroidi: il pepe di Cayenna

E se il rapporto fra pepe ed emorroidi è piuttosto complicato, una menzione a parte merita il pepe di Cayenna. Si tratta di una varietà di peperoncino prodotta e molto conosciuta negli Stati Uniti, ricca di benefici per la salute e il benessere del nostro organismo.

In particolare il consumo di pepe di Cayenna ha numerosi effetti positivi sulla salute del sistema cardiovascolare: rafforza il cuore, pulisce il sangue e migliora la salute dei vasi sanguigni. E non solo: questa varietà di peperoncino è anche in grado di alleviare i problemi legati alle emorroidi.

E’ stato provato ad esempio che, bevendo un bicchiere d’acqua calda al giorno con un po’ di pepe di Cayenna, è possibile alleviare il gonfiore e l’infiammazione delle vene e dei vasi sanguigni nella zona del retto e dell’ano.

In particolare, il pepe fa sì che capillari, vene e arterie riacquistino la loro perduta elasticità, cosa che può venire meno con l’età o causa di un’errata alimentazione. Il risultato è un progressivo miglioramento del prurito e del gonfiore delle vene. In alcuni casi addirittura i miglioramenti sono visibili già dopo un paio di giorni.

E se il miglior modo per assumere pepe di cayenna è di diluirlo in un bicchiere di acqua calda aggiungendo un po’ di succo di limone, sarebbe meglio evitare, invece, l’applicazione topica. In questo caso, infatti, il pepe non ha funzione lenitiva ma rischia di irritare ulteriormente la zona , causando fastidio e dolore.

 

 

Prodotti in offerta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 5 =