Peso e artrosi al ginocchio: esiste una relazione?

L’artrosi al ginocchio o gonartrosi è una patologia debilitante che colpisce milioni di persone. Trattandosi di una malattia degenerativa dei legamenti e delle articolazioni, spesso tende a manifestarsi in età avanzata ed è parallela al naturale processo di invecchiamento.

Peso e artrosi al ginocchio: un possibile fattore di rischio

Tuttavia, esistono anche casi in cui particolari predisposizioni genetiche e condizioni fisiologiche ne anticipano lo sviluppo. E’ il caso ad esempio di chi è obeso e presenta un peso eccessivo rispetto a quello che dovrebbe essere il peso corporeo ideale. In questi casi l’obesità e il sovrappeso determinano uno stress meccanico per la cartilagine articolare contribuendo a una degenerazione precoce delle articolazioni.

Il risultato è lo sviluppo dell’artrosi al ginocchio prima del tempo con tutti gli inconvenienti e i disagi che questo disturbo comporta. Il peso corporeo rappresenta quindi un vero e proprio fattore di rischio ed è per questo che, ai fini preventivi, diventa necessario controllarlo il più possibile e mantenere uno stile di vita sano e corretto.

Se, infatti, almeno in questi casi prevenire l’artrosi è possibile, una volta manifestata, la malattia può solo peggiorare e anche le terapie non possono fare molto se non cercare di frenare e rallentarne il più possibile l’evoluzione.

Artrosi al ginocchio: come alleviare il dolore

Esistono poi tutta una serie di rimedi e creme naturali in grado di ridurre e alleviare il dolore causato da gran parte delle patologie ossee e articolari. Artrovex è proprio una di queste. Si tratta di una crema appositamente studiata e realizzata per curare il dolore e ridurre i gonfiori tipici di malattie come l’osteocondrosi, osteoartrite, artrite, artrosi alle mani, all’anca e al ginocchio.

Chi soffre di gonartrosi potrebbe quindi beneficiare dell’uso costante di questo prodotto, che oltre ad essere molto efficace ha anche il pregio di essere completamente naturale. Fra questi l’olio di pino marittimo aiuta a riattivare la circolazione sanguigna, elimina gli arrossamenti, le infiammazioni e i gonfiori. Il grasso di squalo, invece, tonifica le vene, elimina il gonfiore e favorisce la rigenerazione dei tessuti.

Utilizzare Artrovex potrai quindi ridurre la sintomatologia da un lato, attenuando dolore, infiammazione e gonfiori, e rallentare il processo degenerativo, rallentando il processo di assottigliamento delle cartilagini e ripristinando la mobilità articolare.

Questa crema è inoltre molto semplice da usare. Ti basterà applicare una piccola quantità di prodotto sulla zona interessata, massaggiare per favorirne l’assorbimento e attendere che il trattamento faccia il suo effetto. I primi effetti saranno visibili sin dai primi giorni.

Artrosi al ginocchio: come prevenirla

Per evitare che l’artrosi al ginocchio si manifesti prima del tempo, è possibile tuttavia prendere in considerazione uno stile di vita più sano, fatto da una dieta bilanciata e la giusta dose di attività fisica.

Mantenendo il fisico allenato, cercando di praticare anche un po’ di yoga, riuscirai infatti a rafforzare la muscolatura e proteggere anche la salute di legamenti e articolazioni. Al tempo stesso fare sport non basta, se si segue una dieta sbagliata Per mantenere la giusta forma fisica dovrai infatti anche cercare di non prendere chili di troppo, che a lungo andare potrebbero gravare sulle tue articolazioni.

Artrosi al ginocchio e yoga: tutti i benefici!

Artrosi al ginocchio: le altre cause

Tuttavia, se la gonartrosi giovanile può in parte essere prevenuta, esistono delle condizioni per cui è altrettanto facile sviluppare questa patologia. Chi ad esempio ha sofferto di altre malattie di tipo reumatico è maggiormente predisposto a sviluppare anche questo genere di artrosi.

Non solo fra le varie cause nello sviluppo dell’artrosi al ginocchio rientra anche la frattura delle componenti ossee del ginocchio, come il piatto tibiale o i condili femorali, eventuali lesioni dei legamenti, così come ripetuti infortuni alle ginocchia.

Anche aver subito precedenti interventi chirurgici, come ad esempio l’asportazione del menisco, costituisce un fattore di rischio nello sviluppo di questa patologia.
Eventuali deviazioni e deformità del ginocchio sono invece responsabili di un’alterata distribuzione dei carichi sulle superfici articolari e, di conseguenza, favoriscono un’usura precoce delle stesse.

Infine anche alcune malattie, come l’artrite reumatoide, e altre patologie metaboliche possono determinare nel tempo un quadro di artrosi. In ogni caso è bene ricordare che, prima di tutto, esiste una predisposizione individuale che può sfuggire ai vari fattori di rischio elencati. In questo caso infatti intervengono fattori familiari e genetici, non ancora esattamente individuati, che contribuiscono appunto allo sviluppo della gonartrosi.

Bufale osteoporosi: scopri le più pericolose!

 

Suggeeriti per te

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 + dieci =