Rifarsi il Naso: quando è necessario, costi e alternative

Gli interventi di rinoplastica sono tra quelli che vengono effettuati più di frequente, in Italia.Questo perché possono esserci dei problemi, come il setto nasale deviato, che impediscono di respirare bene, oppure, più, banalmente perché si vuole correggere un difetto estetico. Ma è sempre necessario rifarsi il naso? Scopri come funziona l’intervento di rinoplastica, quali sono i costi e le alternative disponibili.

Perché rifarsi il naso? Le ragioni della scelta e i consigli per affrontare l’intervento

La scelta di sottoporsi ad una rinoplastica va valutata attentamente, non solo perché si tratta di un intervento chirurgico, ma anche perché le sue conseguenze hanno un impatto permanente sulla qualità della vita di chi vi si sottopone. Di solito, sono due le ragioni principali per cui ci si sottopone ad un’intervento di rinoplastica:

  1. Ragioni di Salute. Quando si Respira Male, Spesso l’Unica Soluzione per Risolvere il Problema è Sottoporsi ad un Intervento Chirurgico;
  2. Ragioni Estetiche e Psicologiche. L’altra Ragione Principale per Cui si Decide di Sottoporsi ad un Intervento di Rinoplastica ha Motivazioni Estetiche e Psicologiche. Spesso la Forma del Proprio Naso non è Come la si Vorrebbe, Oppure si è Modificata a Causa di un Incidente e si Sceglie l’Intervento per Guardarsi allo Specchio e Sentirsi Finalmente Soddisfatti del Proprio Aspetto.

I consigli per una scelta consapevole

Per essere sicura di fare una scelta consapevole, la cosa migliore che puoi fare è informarti sulle possibilità a tua disposizione, sulle modalità dell’intervento, su eventuali rischi e complicanze che possono insorgere durante e dopo e, ovviamente, sui costi. Per fare ciò, hai bisogno di parlare con un chirurgo esperto e affidabile. Se è la prima volta che ti sottoponi a un intervento di chirurgia estetica e non sai a chi affidarti, ti consigliamo di visitare la sezione “Trova un chirurgo plastico” del sito web della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica.

Il primo incontro con il chirurgo non deve essere per forza già una visita propedeutica all’intervento; può essere solamente un colloquio informativo. Se, dopo questo incontro, tutti i tuoi dubbi saranno chiariti e ti sarai decisa, il medico effettuerà la visita.  Durante l’esame, il chirurgo valuterà attentamente le tue condizioni e il tipo di intervento necessario, mostrandoti anche delle foto di persone che hanno deciso di rifarsi il naso, per permetterti di farti un’idea del risultato dell’operazione.

Ricorda, inoltre, che per sottoporsi all’intervento per rifarsi il naso è meglio attendere di aver compiuto 18 anni, perché prima di quell’età il naso cresce ancora e potrebbe modificarsi, vanificando i risultati ottenuti. Solitamente, le persone che scelgono di affrontare una rinoplastica hanno tra i 16 e i 30 anni.

Differenza tra settoplastica e rinoplastica

Devi anche sapere che esiste una differenza sostanziale tra la settoplastica, cioè il tipo di intervento a cui ci si sottopone per raddrizzare il setto nasale deviato, e la rinoplastica, che interviene esclusivamente sull’estetica del naso.

Nel primo caso, il costo dell’intervento è coperto dal SSN, perché il setto nasale deviato può causare problemi di respirazione; nel secondo caso, invece, il costo è interamente a carico del paziente. Una persona che decide di sottoporsi a un intervento di settoplastica può, contestualmente ad esso, affrontare anche la rinoplastica, per correggere entrambi i problemi.

Quanto costa rifarsi il naso?

Sottoporsi ad un intervento di rinoplastica è impegnativo anche sotto il profilo economico, dal momento che il costo medio di un’operazione di questo tipo si aggira sui 4500 – 5000 euro. Per un intervento di settoplastica, se non il costo non è coperto dal SSN, si può arrivare a spendere dai 2000 ai 5000 euro.

L’intervento di rinoplastica

L’intervento di rinoplastica è piuttosto complesso, anche se ha tempi di ripresa abbastanza brevi e non provoca molto dolore nella fase post – operatoria, soprattutto grazie agli antidolorifici che vengono somministrati.

L’operazione può durare da un minimo di 45 minuti fino ad alcune ore, a seconda della complessità dell’intervento. Di solito, dopo di essa si deve rimanere ricoverati almeno per un giorno.

Se, in passato, i chirurghi preferivano intervenire dall’esterno, adesso si tende ad intervenire dall’interno, così da non lasciare cicatrici visibili. Certo, questo rende l’operazione un po’ più lunga e complicata, ma offre risultati migliori.

Per conoscere l’esito dell’intervento dovrai aspettare almeno 10 giorni, che è il tempo medio necessario per veder diminuire ematomi e gonfiore. Nelle prime settimane dopo l’operazione, inoltre, è vietato fare sport, soffiarsi il naso e portare occhiali.

Le alternative

Se la forma del tuo naso non ti causi problemi di respirazione e sottoporti ad un’intervento ti preoccupa perché non ti senti pronta ad affrontare un cambiamento così drastico, sappi che ci sono delle alternative all’intervento di rinoplastica.

La più valida e praticata è di sicuro la tecnica del rinofiller, che consiste nell’iniettare all’interno del naso delle sostanze riempitive come l’acido ialuronico, che aiutano a modificarne l’aspetto. Certo, si tratta di soluzioni temporanee, che non risolvono definitivamente il problema.

Se il naso non è eccessivamente storto e non ci sono seri problemi funzionali, si può provare ad impiegare il sistema del tutto naturale di Rhino Correct, un dispositivo che, se usato con costanza, dovrebbe riuscire a modificarne la forma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 − 3 =