La Sigaretta Elettronica Macchia i Denti?

La sigaretta elettronica, il dispositivo più usato ed efficace per riuscire a smettere di fumare, che impatto ha sulla salute orale e sulla bellezza della dentatura? Scopriamolo insieme e soprattutto vediamo se essa macchia i denti oppure no e come fare per sfoggiare un sorriso smagliante e mantenerlo tale.

Perché le sigarette macchiano i denti?

Fumare fa male e smettere di farlo è il primo e più importante passo per prendervi cura di voi stessi e della vostra salute ( qui un prodotto per smettere di fumare che potrà aiutarvi) . Fatta questa doverosa premessa, vediamo perché le sigarette minano così tanto (anche) la bellezza dei denti. I maggiori responsabili del loro ingiallimento e della antiestetica colorazione brunastra che assumono sono la nicotina ed il catrame: depositandosi sui denti infatti, essi li macchiano indelebilmente (solo lo sbiancamento professionale, decisamente costoso, è in grado di riportarli, almeno momentaneamente, al loro originario splendore). I fumatori inoltre, tendono ad accumulare più tartaro nella bocca, che rende la superficie dentale più ruvida, ancor più sommandosi alla placca, e maggiormente esposta all’attacco dei pigmenti che derivano dalla combustione delle sigarette ed ecco spiegato perché lo smalto dei denti diventa marroncino/grigiastro (non a caso il sorriso dei fumatori accaniti è facilmente riconoscibile…).

La sigaretta elettronica macchia i denti oppure no?

Sono in tanti a chiederselo, soprattutto coloro che la utilizzano: la sigaretta elettronica macchia i denti oppure no? Li rende gialli, grigi, scuri o non ha su di essi alcun impatto particolare? Ebbene, anche se le ricerche sono in corso da tempo, dati scientifici certi in merito non ve ne sono: alcuni liquidi presenti nella sigaretta elettronica potrebbero, nel tempo, provocare un ingiallimento dei denti, o almeno questo non si può escludere, tuttavia prove inconfutabili, al momento, non esistono. Però un fatto è evidente: la totale assenza di catrame nella sigaretta elettronica è un dato positivo, oltre che per la salute generale, anche per lo smalto dei denti, che subisce un’azione sicuramente meno aggressiva di quella che invece scaturisce dal contatto con le sigarette normali.

Sigarette ed interventi chirurgici

Il fumo mina la salute e la bellezza non solo dei denti, ma di tutto il cavo orale (per non parlare dell’alito…). La guarigione in pazienti fumatori dopo un intervento chirurgico alla bocca, di qualsiasi natura esso sia, risulta più lunga e complessa rispetto ai non fumatori. Il problema maggiore è rappresentato dall’accumulo di catrame su denti e mucose, che nei casi più seri, può addirittura inficiare del tutto la riuscita dell’operazione. Tale pericolo è invece, per ovvie ragioni, del tutto scongiurato in caso di uso di sigarette elettroniche, prive di catrame.

Sbiancamento dei denti professionale:come si fa

Lo sbiancamento professionale è un mezzo a disposizione dei fumatori (e non) per far tornare a risplendere la propria dentatura. Le sostanze utilizzate sono i perossidi, che agiscono direttamente sulla colorazione dei denti attraverso un meccanismo chimico. Lo sbiancamento avviene sostanzialmente in due modi:

  • alla poltrona, cioè presso uno studio dentistico; è il sistema più breve ed efficace, ma anche il più costoso
  • a casa, usando mascherine personali (fatte su misura dal dentista) in silicone; si indossano di notte e i primi risultati iniziano a vedersi dopo qualche giorno dalla prima applicazione

I costi spesso proibitivi rendono necessario la ricerca di metodi alternativi spesso efficaci come iconic white di cui qui avete una recensione completa. (dentifrici e polveri sbiancanti, speciali gomme abrasive, spazzolini che promettono meraviglie ecc.), per non parlare dei vari rimedi casalinghi che spopolano anche in rete, seppur molto pubblicizzati, sono blandi e del tutto inefficaci sui denti macchiati dal fumo, poiché non sono affatto in grado di rimuovere le macchie di nicotina né di cancellare la patina giallo/nera/grigiastra che li ricopre.

Quanto dura l’effetto dello sbiancamento?

I risultati del sistema di sbiancamento dentale professionale durano mediamente un anno, ma chi continua a fumare si ritroverà con i denti ingialliti molto prima (peggio ancora poi, se ad esso si associa il consumo assiduo di bevande alcoliche come il vino rosso, di tè e caffè). In attesa di ottenere maggiori certezze riguardo l’effetto delle sigarette elettroniche sui denti, sappiate che esso è comunque molto meno dannoso di quello delle sigarette normali e che, cosa ben più importante, si tratta di un dispositivo che può davvero aiutarvi a dire addio per sempre a questo brutto vizio. Se tenete alla vostra salute principalmente, ma anche alla bellezza, del sorriso in particolare, smettete di fumare prima possibile.

 

Suggeeriti per te

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici + 2 =