Ginseng come viagra: è davvero efficace?

Che il ginseng abbia un effetto tonico e stimolante sul nostro organismo è noto un po’ a tutti. Non a caso, in molti lo assumono al posto del caffè, o in periodi in cui si necessità di molte energie e una grande concentrazione.

Eppure chi avrebbe mai immaginato di utilizzare il ginseng come viagra? Non si tratta di uno scherzo, ma del risultato di una ricerca coreana. Questa ricerca ha valutato gli effetti dell’assunzione di ginseng su soggetti che presentavano problemi di impotenza e disfunzione erettile. Ebbene i risultati in chi ha assunto il ginseng sono stati estremamente positivi. Che il viagra abbia le ore contante?

Ginseng come viagra: tutte le proprietà della pianta

Sicuramente fra le proprietà del ginseng quelle afrodisiache erano già molto note, soprattutto nelle culture orientali. Ora, però, se i risultati di questa ricerca coreana dovessero essere ulteriormente confermati, il ginseng potrebbe davvero sostituire il viagra.

Il ginseng, infatti, potrebbe rappresentare un’alternativa reale e molto valida, se si considera che si tratta di una sostanza naturale, mentre il viagra resta sempre un medicinale ricco di effetti collaterali. Non è inoltre da escludere che il ginseng possa essere utilizzato in abbinamento ad altri farmaci adoperati per questo genere di problematiche.

E, come sappiamo, i benefici del ginseng non finiscono qui. Questa pianta, infatti, avendo un effetto stimolante sul nostro organismo, ha anche proprietà dimagranti. Certamente, la semplice assunzione del ginseng non basta. Si potrebbe ad esempio pensare di abbinare anche delle capsule dimagranti.

Un prodotto molto valido che aiuta a stimolare il metabolismo e ha anche tutta una serie di benefici per la salute del nostro corpo è, ad esempio, Dietonus. Con Dietonus perdere peso non sarà più un problema e potrai dire addio ai chili di troppo senza sforzi e inutili diete. Queste capsule, infatti, pur non facendo miracoli aiutano a rimodellare il corpo molto velocemente.

Dietonus agisce sciogliendo i cuscinetti adiposi localizzati e, soprattutto, è in grado di prevenire anche patologie cardiovascolari e polmonari. Insomma un prodotto valido a 360° e che è possibile abbinare al ginseng senza correre alcun rischio.

Ginseng per dimagrire: quali sono le alternative?

Il ginseng, quindi, grazie alla capacità di stimolare il metabolismo, potrebbe fornire un valido supporto nell’ambito di una dieta dimagrante già strutturata. Il suo utilizzo, inoltre, si può abbinare anche a tanti altri prodotti naturali, come ad esempio l’integratore Garcinia Optima. Questo integratore, a base di estratto di Garcinia Cambogia, aiuta a bruciare i grassi grazie alla presenza di acido idrossicitrico. Questo acido si trova nella buccia del frutto dell’omonima pianta.

L’acido idrossicitrico, determinante per il processo di dimagrimento, ha inoltre tantissimi altri benefici sul nostro corpo. E’ infatti in grado di migliorare l’umore e ridurre il colesterolo.

Non solo, oltre alla Garcinia Optima, la natura è davvero ricca di sostanze in grado di avere un vero e proprio effetto “brucia-grassi” sul nostro corpo. Un vero e proprio bruciatore di grassi naturali è, ad esempio, la curcuma. Anche questa spezia è molto utilizzata come integratore per dimagrire, a volte abbinata ad altre sostanze come la piperina.

Fra le piante “brucia-grassi” troviamo anche l’aloe vera. Questa pianta è infatti spesso utilizzata per la produzione di integratori liquidi che hanno la funzione di drenare e soprattutto depurare l’intestino.

Naturalmente questi integratori sono ancora più efficaci se abbinati ad altrettante diete e regimi alimentari ben specifici. Se ad esempio l’obiettivo è depurare l’organismo, oltre ad assumere l’aloe, sarebbe opportuno anche assumere alimenti depurativi di stomaco e intestino. Fra questi, solo per citarne alcuni, troviamo il finocchio, il mirtillo e il limone. In altre parole bisognerebbe seguire una dieta detox.

Se, invece, l’obiettivo è quello di contrastare la cellulite e la formazione dei fastidiosi cuscinetti adiposi, allora sarebbe meglio provare una dieta per combattere la ritenzione idrica. Anche in questo caso, la scelta dei cibi più gusti può fare la differenza. Una dieta di questo genere, ad esempio, dovrebbe assolutamente prevedere: anguria, lattuga, mirtilli, pomodori, cetrioli, ananas, ribes e asparagi.

Insomma, tutta quella frutta e verdura che aiuta ad eliminare i liquidi in eccesso. E naturalmente, non bisogna assolutamente dimenticare che affinché una dieta contro la ritenzione idrica sia realmente efficace, è assolutamente fondamentale bere anche tanti liquidi, fra cui non solo acqua, ma anche tè verde e centrifugati.

 

Prodotti in offerta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × due =